info@rislab.it - PARTNERSHIP: CNS | VIDES | FEDERICO II

Sam: l’app per la sicurezza del trasporto pubblico di RisLab

Sam: l’app per la sicurezza del trasporto pubblico di RisLab

I mezzi di trasporto hanno bisogno di sistemi di sicurezza a più livelli per facilitare la protezione continua del personale e degli utenti. L’APP SaM, attiva sulla linea Eav, facilita la gestione della sicurezza rendendo gli utenti partecipi. Con un solo tocco sul touch screen di ogni smartphone è possibile infatti allertare la centrale di sicurezza! Cosa c’è di più semplice? Vediamo insieme i vantaggi dell’APP SaM.

La sicurezza dei trasporti – SaM

Soluzioni innovative sviluppate dai professionisti della sicurezza assistono nel monitoraggio del trasporto. Viaggi aerei, navi di linea, sistemi ferroviari: ogni mezzo ha i suoi bisogni specifici. La sicurezza aerea per esempio ha visto una notevole trasformazione nel modo in cui i viaggiatori e i loro documenti vengono elaborati. I governi si sforzano di cooperare con le aziende su scala internazionale incorporando tecnologie più recenti per il monitoraggio delle aree passeggeri e altro ancora.
I sistemi di sicurezza del trasporto si estendono persino ai cantieri navali, al fine di garantire che tutte le merci in entrata e in uscita siano adeguatamente vagliate. Ciò migliora gli standard di sicurezza per tutte le operazioni di trasporto quotidiane. Sicuramente, però il campo dei trasporti cittadini è molto importante. Per questo è stata creata SaM!

Perché i sistemi di trasporto sono sotto attacco?

Ma qual è il motivo per cui i sistemi di trasporto sono spesso sotto attacco? La sicurezza dei trasporti è complessa dal punto di vista logistico e rimane una parte importante del protocollo aziendale di sicurezza. Essendo luoghi in cui i passeggeri e le merci sono di passaggio, i terminal sono luoghi particolarmente sensibili per la sicurezza e l’incolumità. Le stazioni ferroviarie e gli aeroporti sono alcuni dei siti più densamente frequentati. Il controllo della folla e la sicurezza sono stati perciò temi che hanno preoccupato i manager per molto tempo.

Inoltre, gli atti di terrorismo, nonostante siano eventi rari, sono da tenere in considerazione. Per quanto raro possa essere un evento del genere, il rischio rimane vivo ed espone le vulnerabilità dei trasporti. Altre forme di minacce alla sicurezza dei trasporti sono più comuni: crimini commessi nei locali ferroviari (come un’irruzione), rapine di merci in transito o pirateria. Questi crimini, oltre ai rischi di sicurezza, rappresentano un enorme danno economico. Questo è causato sia dall’interruzione del servizio che da possibili danni causati. La creazione di strategie per la sicurezza dei trasporti è necessaria. Ciò include l’uso di apparecchiature discrete che monitorano senza compromettere l’accessibilità del pubblico ai servizi.

SaM: come funziona l’app di sicurezza dei trasporti

SAM è stata realizzata da RisLab e CNS per EAV.

L’app è stata concepita con lo scopo di incrementare la protezione degli utenti del trasporto pubblico esposti ad azioni criminali, come, ad esempio, crimine predatorio, atti vandalici, molestie.
Grazie a SAM i passeggeri possono segnalare situazioni di emergenza con un semplice click ed entrare immediatamente in comunicazione con la centrale operativa. Il personale della centrale operativa è pronto a ricevere le segnalazioni di azioni criminali dagli utenti. Allertati da un suono, gli operatori vedono le immagini riprese dallo smartphone del passeggero che lancia la segnalazione e la sua posizione: in tal modo, interventi ed azioni di contrasto al crimine sono più mirati.

Similmente, un utente può utilizzare SAM per segnalare un evento relativo a terzi, l’aggressione ad un’altra persona, oppure un’emergenza sanitaria e sollecitare i soccorsi. Al fine di evitare un uso improprio dell’app, l’utente deve essere registrato per poter inviare le segnalazioni. Nello specifico, la registrazione richiede nome, cognome, data di nascita e numero di telefono mobile, usato per inviare un PIN via SMS attraverso il quale si conferma la veridicità dei dati forniti.

I dati raccolti potranno essere messi a disposizione delle autorità per fini investigativi. In merito a questa particolare iniziativa, i rappresentanti dell’Eav hanno dichiarato: “Non potendo avere guardie giurate in 150 stazioni, oltre alla richiesta di intervento da parte delle forze dell’ordine, abbiamo inventato un’arma di difesa! Il tuo telefonino collegato in tempo reale con la Centrale di Sicurezza, si trasforma in una telecamera”.

Guarda il video esplicativo: