info@rislab.it - PARTNERSHIP: CNS | VIDES | FEDERICO II

Gli hacker nei film: quanto sono attendibili?

Gli hacker nei film: quanto sono attendibili?

Immaginate la scena: tipico film anni ’80. Ragazzino sveglio con taglio mullet (se non lo conoscete, googlate, ne verrà la pena) e PC di fronte a sé. Gli hacker sono stati spesso rappresentati nei film! A volte come questi cliché, altre più seriamente. Oggi ci sono tantissimi film sul tema, anche thriller di spessore. Ma quanto sono attendibili le rappresentazioni di hacker nei film? Vediamolo insieme in questo articolo.

Gli hacker nei film

I film con tematiche legate al cyberspazio sono tanti! Da documentari, fino a thriller e film cult come war games, se ne possono citare tanti! E i punti di riflessione sono numerosi. Oggigiorno molti film parlano della privacy, delle nuove tecnologie, e così via.

Un documentario molto interessante del 2019 è The Great Hack. Questo tratta il caso di Cambridge Analytica. Ne scaturisce una riflessione anche politica, oltre che un approfondimento sull’etica cibernetica.

L’hacker, di per sé, è un personaggio molto quotato. Ma quanto è realistica la rappresentazione degli hacker nel cinema?

Gli hacker nei film sono attendibili?

Spesso lo sono. Questo perché si ha la tendenza a integrare nel team di scrittura di un film degli esperti. È il caso del film “I signori della truffa”, per il quale fu consulente Len Adleman. Chi è? Beh, uno dei matematici inventori del sistema crittografico RSA.

Oppure Skyfall, il film di James Bond del 2012. In questo film il nostro 007 cerca di salvare delle informazioni sensibili in possesso del British Intelligence Service, MI6. In questo caso, nonostante il tema della protezione delle infrastrutture critiche, c’è qualcosa che non va. Un dettaglio davvero cliché e poco realistico. Gli algoritmi e i worm vengono rappresentati in 3D! Questa rappresentazione è ben lontana dalla realtà.

La migliore rappresentazione degli hacker nei film

Non si può non parlare di Matrix. Parliamo di una saga altamente fedele alla realtà del mondo informatico. Un esempio? In Matrix Reloaded Trinity hackera realisticamente un software, e riusciamo persino a intravedere l’indirizzo IP usato! Inoltre, viene citato un vero programma scoperto da un analista nel 2001: il SHHNUKE. Questi sono solo due esempi per farvi comprendere quanto sia fedele la resa in questi film. Non a caso è stato molto discusso nella comunità di hacker online! E positivamente!

Il film più iconico

Sicuramente, come già accennato, il film di hacker cult per eccellenza è War Games. Classe 1983, il genitore di tutti i film con temi cibernetici.

WarGames è diventato un classico che ha legittimato la cultura hacker. Ha coniato l’archetipo dell’eroe nerd e forse ha persino cambiato la politica di difesa americana!

War Games racconta la storia di David Lightman, un adolescente con la passione per i computer e i videogiochi. Egli cerca di hackerare Protovision, la società che pubblica i suoi videogiochi preferiti. Nel farlo ottiene inavvertitamente l’accesso al WOPR, il supercomputer dell’esercito americano, programmato per prevedere i potenziali risultati di una guerra nucleare.

Appassionante, ma soprattutto abbastanza all’avanguardia. War Games infatti integrò l’IA, il Social Engineering, e molti altri temi informatici!